TORNA SALE SANT’AMBROGIO IN FESTIVAL

Dal 30 Maggio al 2 Giugno la rassegna Co-Promossa dal Comune di Firenze che celebra la comunità di Sant’Ambrogio, i suoi mestieri e le sue persone

Un festival dedicato al nostro quartiere e al nostro territorio, alla creatività delle mani e al retro bottega artistico del Teatro del Sale. Un grande omaggio a Sant’Ambrogio e al suo SALE così tanto amato da Fabio.

Con queste parole Maria Cassi, celebra la seconda edizione della rassegna SALE Sant’Ambrogio in Festival, quattro giorni di eventi dedicati al quartiere di Sant’Ambrogio e al suo fare comunità. Anche quest’anno sono tante le iniziative sviluppate in tutte le botteghe artigiane e nei negozi di quartiere, le cene e gli eventi speciali, le attività culturali volti a celebrare questo quartiere del centro storico da sempre diverso e fortemente cittadino, popolare e vocato all’inclusività.

Un programma molto ricco con un tema, “I Luoghi e la Città”, che vuole andare ad approfondire l’importanza dei luoghi di ritrovo -fisici e spirituali, immaginari e ideali- che definiscono il concetto di città anche come identità culturale.

“Un piccolo grande sogno come SALE Sant’Ambrogio in Festival non poteva che nascere dall’energia lasciata in eredità da un grande uomo come mio padre.

È grazie a tutto ciò che ci ha insegnato e trasmesso che oggi possiamo costruire la seconda edizione del SALE Sant’Ambrogio in Festival. Il festival è un omaggio a lui e a tutte le anime di Sant’Ambrogio, che rendono questo quartiere il più bello del mondo, nella città più bella del mondo.

Un ringraziamento speciale a tutti i bambini, agli anziani, ai residenti e a tutte le persone che danno vita e mantengono vivo questo quartiere”.

Così commenta Giulio Picchi al grande entusiasmo con cui il quartiere e l’intera comunità di Sant’Ambrogio hanno risposto all’iniziativa.

Tante le conferme delle attività promosse e delle botteghe che hanno partecipato lo scorso anno, oltre agli eventi che hanno suscitato interesse ed entusiasmo da consacrarne il “bis”! Torna la cosiddetta “cena dei popoli”, con le tre più importanti comunità religiose del quartiere. Sarà anche quest’anno la cena del Giovedì sera, 30 Maggio, quella che inaugurerà il Festival. “A Cena nel Mediterraneo” metterà al centro il luogo più simbolico della nascita della nostra civiltà. Saranno presenti la Comunità Cristiana con Padre Bernardo, Abate di San Miniato al Monte, la Comunità Ebraica con il Rabbino Gadi Piperno e la Comunità Musulmana con l’Imam Izzedin Elzir.

Culla della cultura di cui tutte e tre le comunità si sono nutrite per secoli, in questa serata il Mediterraneo torna ad essere luogo di conversazione e condivisione. Ma anche di grande teatro: in scena dopo la cena, infatti, sarà presente Maria Cassi con “Mediterraneo – Miti, Sirene ed Eroi” il nuovo spettacolo realizzato con Lorenzo Cipriani con le musiche di Andrea Pagliari, che racconta di una lunga navigazione attraverso il Grande Mare, dove i due protagonisti incontrano storie, leggende, miti e personaggi del passato nella ricerca di una risposta alle domande del presente.

Torna la grande serata dedicata a Fabio Picchi, che ovviamente non poteva mancare nella serata di Venerdì 31 Maggio. Quest’anno sarà la volta di “A Cena a Firenze” una cena con il menù fiorentino del Picchi, dedicato alle ricette ideali che Fabio avrebbe messo in tavola pensando alla sua città. A completare l’evento, un progetto molto speciale voluto da Maria Cassi e Paolo Hendel che raccoglie le testimonianze dirette delle persone.

I due attori, infatti, metteranno in scena i racconti inviati dalla comunità e dai cittadini dedicati al quartiere: aneddoti, memorie, momenti di vita, sorrisi ed emozioni che abbiamo chiesto di ricevere dai tanti abitanti di Firenze (e non solo) che amano questo luogo così particolare della nostra città. Tutti possono partecipare, basterà mandare i propri ricordi a sale@teatrodelsale.com. Le testimonianze raccolte, in scena con Maria Cassi e Paolo Hendel in: “Mi rammento Ricordi, storie ed emozioni del quartiere di Sant’Ambrogio ed oltre”.

 

Torna anche il grande appuntamento del Sabato ma con una novità: una grande cena-evento con una special guest che è -ad oggi- una vera star della TV, Eleonora Riso, vincitrice di Master Chef, nostra amica e collega con la quale realizzeremo una cena a quattro mani (anzi a tante mani) che celebra sia l’identità Cibrèo con i suoi Chef, sia la creatività e la bella vittoria di Eleonora. Un evento pensato per divertire e stare tutti insieme in un grande live show. “A Cena nel Mondo” si terrà il 1° Giugno ed è pensata per abbracciare sia i nostri classici, sia la tradizionale vocazione di Cibrèo per le cucine del mondo, con la brigata guidata da Oscar Severini, sia la natura creativa e di grande ispirazione internazionale di Eleonora Riso. Cinque portate fuori dagli schemi, servite in un Teatro con un set speciale, che si chiuderanno con un grande concerto di musica etnica africana con i Fuentes, progetto nato da un’idea di Ettore Bonafè e Paolo Casu, due fra i più importanti e validi percussionisti “world” italiani, coadiuvati da Brahima Dembelé, “maestro dei suoni che sanno raccontare” e dall’incredibile chitarrista Mino Cavallo.

Il grande finale di SALE Sant’Ambrogio in festival si terrà in Piazza dei Ciompi, con una cena di beneficenza organizzata con la collaborazione degli chef dei più importanti e prestigiosi Hotel di Firenze. Parteciperanno il Four Seasons Hotel di Firenze con lo Chef Paolo Lavezzini, l’Hotel Savoy con Giovanni Cosmai, Palazzo Portinari Salviati con Vito Mollica, Il Salviatino con Rudy Saderi e l’Hotel Regency con Claudio Lopopolo insieme all’Executive Chef Oscar Severini che con la brigata del Gruppo Cibrèo e dell’Hotel Helvetia & Bristol daranno vita a questa cena. L’invito è stato rivolto a: Caritas, Montedomini, COSPE, Associazione Nosotras, Cooperativa Gaetano Barber, Cooperativa I Ragazzi di Sipario Onlus, Associazione Pantagruel, Opera della Madonnina del Grappa e Cooperativa Il Girasole. Non solo una grande cena ma anche una grande festa grazie al concerto che lo scorso anno ha fatto ballare centinai di cittadini e passanti. Quest’anno sul palco allestito in Piazza dei Ciompi ci saranno i DJ Set di Lorenzo Hugolini e di Italians A GO-GO oltre al grande concerto degli Street Clerks.

La serata sarà caratterizzata dalla collaborazione dell’Arthur Murray Dance Center.

La Arthur Murray International è conosciuta come la più grande e prestigiosa società di ballo da sala del mondo, con oltre 280 scuole in 22 Paesi, sarà presente con i suoi ballerini e con i suoi insegnanti per coinvolgere tutti in balli sfrenati.

La rassegna di eventi diffusi Co-Promossa dal Comune di Firenze si è resa possibile anche grazie al contributo di Toscana Aeroporti, Sammontana, Devon&Devon e Cibrèo, oltre al supporto di Controradio come Media Partner principale di questa edizione. 

Ed un particolare ricordo di Fabio Picchi, lo ha voluto lasciare proprio il suo caro amico Roberto Naldi, Amministratore Delegato di Toscana Aeroporti

“Cosa dire di Fabio: La sua infinita cultura sulla qualità dei prodotti, sulla tradizione toscana, sul suo genio e sulle sue mani capaci di trasformare anche una cosa semplice in un’eccellenza assoluta, la sua grande umanità e generosità faceva sì che anche piatti semplicissimi fossero vere e proprie carezze all’anima.
Anche, e non solo, per questo come Toscana Aeroporti avevamo intrapreso un percorso di creazione del marchio “Vola” sotto la sua Direzione che permettesse a chi intraprendeva un volo di ricevere queste carezze.
Roberto Naldi

Anche quest’anno la collaborazione con Scuola-Città Pestalozzi ha visto la realizzazione di un laboratorio interdisciplinare con la finalità di produrre degli elaborati artistici, iniziato con una gita al Teatro del Sale. Il filo conduttore del progetto di quest’anno sarà “Le parole del mondo nel luogo cucina”. Gli elaborati artistici saranno sviluppati e realizzati con la tecnica del calligramma, utilizzando parole legate alla cucina, come ricette o nomi di utensili o di alimenti riportati in diverse lingue e si svilupperanno in due tipologie di operato: le tovagliette per i più piccoli ed i centrotavola per i grandi.

Nuova, per il festival, la collaborazione con lo storico Istituto professionale Alberghiero Aurelio Saffi di Firenze, che per l’occasione si unisce al Teatro del Sale nell’organizzazione della serata dedicata al famoso chef Fabio Picchi. Gli studenti, accompagnati dai propri docenti, avranno la preziosa occasione di mettere a frutto le competenze professionali acquisite durante il loro percorso di studi in un contesto davvero unico.

Ricchissimo il palinsesto delle attività organizzate dalle botteghe e dagli artigiani e ristoratori di zona. Quest’anno la collaborazione con Ang Studio, nella persona di Agnese Fazolo, designer artigiana, che a Firenze ha trovato la casa e presidente di CNA Federmoda Firenze ha ampliato e arricchito la rete degli artigiani di Sant’ Ambrogio che aderiscono all’iniziativa.

Molte le nuove collaborazioni come quella con Cambium di Adriano Zago con la degustazioneIl vino biodinamico buono da bere, buono da leggere” tratta dal suo ultimo libro “Manuale di viticoltura biodinamica” e le collaborazioni confermate dalla scorsa edizione come quella con Schola Academy, Dida Dipartiemnto di Architettura con due visite speciaoi a Santa Teresa e Santa verdiana, La Giunti e Accademia del Caffè Espresso.

Accademia del Caffè Espresso partecipa a questa edizione con una serie di workshop e lectures che vogliono far conoscere ai partecipanti tutto quello che si cela dietro una tazzina di caffè.
Un’occasione per scoprire di più sui metodi di lavorazione e sulle tecniche di estrazione, ma anche per approfondire progetti di ricerca che mirano a proteggere la produzione di caffè dal cambiamento climatico e ad indagare la dimensione storica e personale che hanno portato allo sviluppo globale del consumo di caffè, la seconda bevanda più bevuta al mondo.

Giunti Editore sarà presente con Alessio Cicchini e il suo ultimo libro “Non buttarlo!” Espedienti geniali e ricette fuori dagli schemi per minimizzare gli sprechi in cucina, risparmiare e far bene al pianeta.

Con la collaborazione di:

Controradio • Devon & Devon • Four Seasons Firenze • Hotel Savoy • Palazzo Portinari Salviati e Atto di Vito Mollica • Il Salviatino • Hotel Regency • Scuola-Città Pestalozzi • Istituto Professionale Alberghiero Aurelio Saffi • DIDA – Dipartimento di Architettura – Università di Firenze • Accademia Caffè Espresso – La Marzocco (vedi allegato) • Accademia Caffè Espresso – La Marzocco (vedi allegato) • Cambium di Adriano Zago • Arthur Murray Dance Center • Giunti Editore • Consulta Nazionale Distretti del Cibo • Schola Academy • Ang Studio • Dynamo Camp • Aboca

Fabio Picchi con Roberto Naldi